• Consulenza in sessuologia clinica
  • Terapia EMDR
  • Terapia di coppia
  • Consulenza psicologica e psicoterapia

Depressione

depressione

Negli ultimi anni tendiamo ad abusare della parola “depressione”, confondendo tale stato psichico con momenti difficili o particolarmente tristi, caratterizzanti il normale alternarsi degli eventi della vita.

Pertanto, cerchiamo di chiarire cos’è realmente la depressione!

La depressione corrisponde ad una diminuzione del tono dell’umore, con un aumento dei sentimenti di tristezza, di pessimismo e di dolore. La persona che presenta un disturbo depressivo tende ad avvertire uno stato di sofferenza psichica, di lutto, con una conseguente diminuzione di autostima e di attività fisica e del pensiero.

Quindi, le aree che la depressione va a mutare sono:

  • Intensità emozionale (tristezza; pianto; sentimenti di disperazione; diminuzione dell’autostima; sentimenti di colpa e/o inutilità)
  • Funzioni cognitive (diminuzione di concentrazione o memoria, pensieri di morte o suicidio)
  • Attività motoria (rallentamento dei movimenti)
  • Sfera del piacere (diminuzione o perdita della capacità di provare piacere, anche sessuale)
  • Ritmi biologici (riduzione o aumento del sonno; disturbi somatici; aumento o diminuzione di appetito)

Le cause della depressione possono essere:

  • CAUSE PSICOLOGICHE: carenze affettive; caratteristiche di personalità; locus of control; ecc…
  • FATTORI SOCIALI: rete sociale di supporto; eventi stressanti; ecc…
  • CAUSE BIOLOGICHE: sesso ed età; fattori genetici; ecc…

Inoltre, la depressione può essere reattiva ad un determinato avvenimento (ovvero: un particolare episodio ha causato l’insorgere del disturbo depressivo); oppure il contrario: può insorgere in assenza di una situazione casuale predisponente.

E’ doveroso sottolineare come la depressione, però, non sia sempre un disturbo grave, infatti le persone possono manifestare stati depressivi lievi; tuttavia anche questi devono essere monitorati e non trascurati.

Come curare la depressione?

A seconda della gravità del disturbo depressivo possono essere prescritti psicofarmaci al paziente (antidepressivi), solo da un medico o da un medico psichiatria.

Tuttavia è opportuno avviare un percorso di sostegno, come la psicoterapia, al fine di aiutare il paziente a ritrovare il proprio benessere psichico.

E’ possibile, anche, avviare un percorso psicoterapico in concomitanza con quello psichiatrico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *