• Consulenza in sessuologia clinica
  • Terapia EMDR
  • Terapia di coppia
  • Consulenza psicologica e psicoterapia

Lo Psicoterapeuta

psicoterapeuta immagine

Vi sono idee poco chiare di chi sia e cosa faccia uno psicoterapeuta.

Lo psicoterapeuta può aver conseguito la laurea in psicologia (cinque anni) o in medicina. In entrambi i casi, deve essere iscritto regolarmente all’ordine professionale di appartenenza, dopo aver conseguito l’esame di stato ed aver effettuato un tirocinio specifico.

Il medico o lo psicologo è autorizzato all’esercizio della professione della psicoterapia solo dopo aver frequentato una scuola di specializzazione, di quattro o cinque anni, riconosciuta ed autorizzata dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR), che fornisce allo specialista gli strumenti cognitivo emozionali per poter svolgere un percorso supportivo-espressivo con i clienti.

 Le scuole di specializzazione si differenziano tra loro per il tipo di approccio, sia al livello teorico che al livello pratico (qui un elenco aggiornato delle scuole di psicoterapia presenti nel nostro Paese http://www.miur.it/0002Univer/0706Istitu/0708Istitu/5478Istitu_cf2.htm).

Lo psicoterapeuta è colui “esperto nel costruire e sviluppare relazioni interpersonali capaci di prendersi cura e di operare cambiamenti” (Grispini A, 2009).

Pertanto, lo psicoterapeuta è un esperto nel costruire relazioni interpersonali, al fine di determinare una cura per la persona che glielo richiede attraverso l’approccio psicoterapeutico adottato.

E’ importante sottolineare che col termine “cura” non ci si riferisce alla prescrizione e somministrazione di farmaci, piuttosto ad un lavoro di presa in carico della persona, con l’obiettivo di aiutarla a superare un momento di difficoltà. Di fatto, lo psicologo-psicoterapeuta non può prescrivere psicofarmaci ai propri clienti/pazienti poiché non è un medico, né tanto meno uno psichiatra.

Inoltre, si cade in errore affermando che lo psicoterapeuta può essere utile solo in presenza di psicopatologie, ovvero di disturbi mentali e delle patologie ad essi connessi.

Quindi; quando contattare uno psicoterapeuta?

Riteniamo che sia opportuno contattare uno psicoterapeuta quando le risorse personali non bastano più a fronteggiare i periodi difficili, che creano contrasti emotivi con se stessi e/o con gli altri (famiglia, lavoro, amici, ecc.).

I motivi per i quali è utile recarsi da uno specialista della psiche sono molteplici, che possono oscillare da un malessere generalizzato ad uno più specifico (es. depressione, ansia, disturbi alimentari, ecc.), o semplicemente alla mera volontà di volersi conoscere in modo più approfondito facendo emergere la parte di sé più autentica.

Bibliografia

Ardizzone M. ed al. (2009) I nodi attuali della psicoterapia, Franco Angeli, Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *